MONTE NERONE: FONDARCA - Anello da Pieia
Data: 22/09/2016- Categoria: Escursionismo, Seniores
Organizzatori RAGNI MARCELLO
GIACCHE' GIORGIO
LOVATO LANFRANCO
Descrizione:

Impegnativa escursione che parte da Pieia (m 653), difronte alla piccola chiesa, e in forte salita su scomodo sentiero ghia-ioso segue il sentiero n. 21 (da prendere con calma). Dopo i primi 100 m di dislivello, la pendenza si attenua, si piega verso est in un ambiente di bosco e rocce molto aspro (fare attenzione!!) di selvaggia bellezza. Presso Tana Baldina si raggiunge la massima quota e si incrocia il sentiero n. 23 che verso est esce improvvisamente sui prati, dove lo sguardo può spaziare lontano. Raggiunto e sorpassato il fosso Campo d’Aglio si scende su terreno scoperto fino a Castello di Cerreto (m 674), dove a destra, sul sentiero n. 20 (Sentiero Italia), si torna ad un aspro ambiente di bosco e rocce, che con repentini saliscendi riporta verso ovest e verso Pieia. In questo tratto, dove occorre ancora la massima attenzione, passeremo con una deviazione per Fondarca, fantastico cilindro di alte pareti rocciose, con un arco naturale, di grande e suggestivo impatto emotivo.

Lunghezza Percorso: 9,2 km Dislivello: 630 m Durata stimata: 5 h
Difficoltà: E (+) : Oltre ad un terreno per lo più aspro e sconnesso, ci sono alcuni brevi tratti dove lo sguardo percepisce una discreta esposizione. Indicazioni: Sono necessari buoni scarponi da montagna e fortemente consigliati i bastoncini. Vestirsi adeguatamente ed è necessario un buon rifornimento di acqua (magari all’ottima fonte di Pieia).
Modalità  e mezzi: Mezzi propri: Perugia – Collestrada – dir.Cesena – dir. Ancona – Gubbio – Cagli – Secchiano – Pianello (PU) – Pieia (102 km)
Appuntamento

Alle ore 7,15 da Pian di Massiano (lato di viale Perari),

oppure alle ore 7,30 dal Bar di Collestrada

Iscrizione/Prenotazione:
Approfondimenti:

Molti escursionisti passano per il grazioso e sobrio borgo di Pieia, perché buona base di appoggio per itinerari su uno dei più bei versanti del Nerone, ma anche perché nelle vicinanze c’è un’altra perla di questo monte dai mille aspetti:  si tratta di Fondarca, un superbo anfiteatro di alte pareti rocciose aperto da un lato da un basso pertugio ingrottato sotto una pesante volta di calcare massiccio, mentre dalla parte opposta si esce sotto un alto e aereo arco naturale, nel cui sfondo si disegnano ancora le vecchie case di Pieia.  Fondarca è anche palestra di roccia, per cui non è raro assistere ad esercitazioni di speleologi e rocciatori che come ragni appesi a corde aeree si muovono sulle strapiombanti pareti. Come scrisse il Cimarelli “…altre cose di egual meraviglia, dentro e fuor del Nerone si scorgono, che ad una ad una, volendo io mostrare, si stancherebbe il lettore di leggerle…”.

Allegati: 2016-09-22 Fondarca.pdf
2016_09_22 Fondarca Nerone da Pieia.GPX
Contatta gli organizzatori:

Giorgio Giacchè 339 4092266

Lanfranco Lovato 349 6683574

Marcello Ragni 335 6794803