Monte Fema
Data: 10/11/2019- Categoria: Escursionismo, Escursionismo
Organizzatori CALISTRI FRANCO
GIACCHE' GIORGIO
BIAGIOLI MARCELLO
Descrizione:

Superato di poco il borgo di Capodacqua in corrispondenza del primo tornante a destra, si prende la strada a sinistra che entra nella Val di Tazza; un cartello con la scritta Sentiero Natura indica la via. Percorso circa un chilometro dal bivio, si parcheggia sul lato destro della strada in corrispondenza di uno slargo Si imbocca il Sentiero Natura che si addentra nella valle in direzione sud (quota 725 mt.), un percorso di circa 2 Km che risale la valle, segnalato ed allestito dall'Università di Camerino che ha anche predisposto alcuni cartelli con descrizioni ed immagini della flora e della fauna locale. E' questo un tratto di sentiero molto suggestivo con punti in cui la valle si restringe tra pareti di roccia verticale e punti più allargati dove le piante del bosco occupano tutto lo spazio disponibile. Salendo, la valle si allarga sino a raggiungere un casolare chiamato Piscini (quota 1126 mt.) dove termina anche il Sentiero Natura. Si percorre un tratto del prato erboso oltre il casolareper circa 300 mt. per poi prendere a sinistra in salita, lo spiovente del monte chiamato Colle Rotondo.Superata una recinzione di filo spinato, si sale lungo la linea di massima pendenza, a fianco della stessa recinzione, sino alla sommità  del colle (quota 1377 mt. ore 11).Dalla sommita  del collesi scende di poco (25 mt. circa) sulla selletta che divide Colle Rotondo dal M.te Fema e quindi si riprende a salire in diagonale verso quest'ultimo in direzione sud est, seguendo tracce di sentiero.Mantenendo la direzione si aggira il M.te Fema sino quasi a raggiungere il primo compluvio e quindi, invertendo la direzione da sud a nord, si percorre l'ultimo tratto che separa dalla vetta del monte Un cumulo di sassi indica il punto di massima quota(1.575 metri). Dalla vetta in primo piano e in posizione centrale, domina il massiccio Croce di M.te Bove con la valle del Bove ed il paese di Frontignano alla sua destra; a sinistra la Croce del Rotondo e, più distante, il M.te Rotondo. Sul fronte opposto (a nord ovest) il M.te Pennino spicca sugli altri.  Per la discesa si prosegue verso nord muovendosi su pendii non particolarmente ripidi Seguendo tracce di sentiero sulla destra  si raggiungeil fosso di Sanguestrino., seguendo il quale si torna al punto di partenza 

Lunghezza Percorso: 11 km Dislivello: +/- 900 metri Durata stimata: 6 h
Difficoltà: E
Modalità  e mezzi:
Appuntamento
Iscrizione/Prenotazione:
Approfondimenti:
Allegati: